Le spirali
1
post-template-default,single,single-post,postid-1,single-format-standard,stockholm-core-1.2.1,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Le spirali

Spirale con rotazione a sinistra

la forza che affluisce; concentratevi sulla forza che abita il vostro centro. La spirale con rotazione a sinistra è segno del ritorno all’unità, perché dall’esterno si torna verso il centro. Questo simbolo indica la via dell’interiorizzazione, via che conduce a se stessi e a Dio. Il centro è l’infinita forza concentrata di Dio e della luce che affluisce dall’universo.

 

Spirale con rotazione a destra

la forza che si sprigiona; lasciate che l’energia si dispieghi e si diffonda. L’itinerario della spirale parte dal suo punto di origine, cioè dal centro, e con rotazione destra o sinistra conduce verso l’esterno dove da qualche parte “termina”. In realtà di fatto non termina, bensì diviene “invisibile” ai nostri sensi, perché il suo movimento rotatorio prosegue oltre. Questo significa che l’evoluzione non ha mai fine e che il movimento è il principio della vita per eccellenza, anche se non lo possiamo vedere. Da “là fuori” il movimento può volgersi di nuovo verso l’interno, verso il centro, e tutto il processo ricomincia da capo

 

 

Spirale doppia

riunite in voi gli opposti. La spirale doppia rappresenta due spirali di fronte che confluiscono una nell’altra. Il numero 2 simboleggia la polarità e/o gli opposti in relazione tra loro. Essi si appartengono come nascita e morte, principio maschile e femminile, giorno e notte, cielo e terra, attività e passività ecc. L’uno si trova in correlazione con l’altro in un rapporto di condizionamento reciproco. L’uno non potrebbe esistere senza l’altro. Allo stesso modo le nostre informazioni ereditarie si configurano nella forma di una “doppia spirale”, la doppia elica. La spirale doppia è una figura molto dinamica che realizza un movimento pressoché infinito: la spirale con rotazione a sinistra (a partire dal centro con movimento antiorario) si sviluppa espandendosi (principio maschile) verso l’esterno, cerca quindi il contatto con il principio accogliente (femminile)

Beppe Carrella

A multi-faceted information technology executive and consultant with extensive board-level commercial experience and expertise in the innovative management of large teams. with over 30 years' experience.

No Comments

Post a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi