La scuola
17
post-template-default,single,single-post,postid-17,single-format-standard,stockholm-core-1.2.1,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

La scuola

Una volta, nella notte dei tempi, gli animali decisero di fare qualcosa di eroico per salvare i problemi che affliggevano il nuovo mondo, così fondarono una scuola  Il programma di studio che adottarono comprendeva esercitazioni nella corsa, nell’arrampicata, nel nuoto e nel volo. Per facilitare l’organizzazione, tutti gli animali accettarono di partecipare a tutti i corsi.

L’anatra era bravissima nel nuoto, persino più brava del suo istruttore, e otteneva voti eccezionali nel volo, ma nella corsa valeva molto poco. Dato il suo scarso profitto nella materia, ebbe bisogno di un doposcuola per poter migliorare, lasciando per forza di cose perdere il nuoto. Continuò così, finché i suoi piedi palmati si ridussero in pessime condizioni; in quanto al nuoto, dove prima eccelleva, adesso l’anatra era soltanto nella media. Ma la media era accettabile nella scuola e quindi nessuno si preoccupò della cosa fuorché l’anatra stessa. Il coniglio iniziò come primo della classe nella corsa, ma si buscò l’esaurimento nervoso a furia di esercitarsi nel nuoto.

Lo scoiattolo era un fenomeno nell’arrampicata, ma entrò in crisi nella classe di volo, dove il suo insegnante voleva si innalzasse dal suolo anziché buttarsi dalla cima di un albero. Si esercitò fino ad avere tutti i muscoli indolenziti, tanto che ottenne un brutto voto nell’arrampicata e uno pessimo nella corsa. L’ aquila era un soggetto difficile e dovette essere sottoposto a una severa disciplina. Nell’arrampicata arrivò sulla cima dell’albero, battendo tutti gli altri, ma insistette che le fosse consentito di arrivarvi usando il suo personale sistema.

Alla fine dell’anno, un’anguilla anomala che sapeva nuotare straordinariamente bene e per giunta correre, arrampicarsi e un po’ pure volare, superò tutti quanti nella media delle varie materie ed ebbe l’onore di tenere il discorso di commiato. I cani delle praterie si rifiutarono di frequentare la scuola e si batterono contro la tassa scolastica, perché l’amministrazione non aggiunse alle materie di studio lo scavo e l’apertura delle tane. Misero allora i figli a far pratica da un tasso e in seguito si unirono alle marmotte e ai castori, fondando una scuola privata che ebbe molto successo.

Tags:

Beppe Carrella

A multi-faceted information technology executive and consultant with extensive board-level commercial experience and expertise in the innovative management of large teams. with over 30 years' experience.

No Comments

Post a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi